Day 1 - Un viaggio a dir poco rocambolesco! ⋆ Centro Studi Excol

Day 1 – Un viaggio a dir poco rocambolesco!

Dopo tanta attesa la tanto attesa vacanza-studio nel Northumberland è iniziato… forse non nel migliore dei modi! il nostro gruppo di studenti è sopravvissuto a un viaggio davvero ricco di emozioni. Ma cominciamo dall’inizio!

Prima di tutto i protagonisti di questa entusiasmante esperienza: 10 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 13 ed i 17 anni desiderosi di imparare, fare nuove amicizie e, soprattutto, divertirsi. Ecco uno scatto rubato poco prima della dall’aeroporto di Venezia che potremmo tranquillamente intitolare “La quiete prima della tempesta”.

Chi si aspettava un tranquillo viaggio verso l’Inghilterra, infatti, è sicuramente rimasto deluso. Il ritardo di 40 minuti annunciato al banco del check-in si è dimostrato una vera e propria illusione. Di fatto, una volta imbarcati, i membri del nostro gruppo hanno ricevuto una bruttissima notizia: il ritardo era aumentato a più di un’ora, riducendo di molto il tempo a loro disposizione per raggiungere il gate, prendere la coincidenza e, dettaglio non trascurabile, mangiare.

Nonostante il volo da Venezia a Bruxelles sia andato piuttosto bene, il ritardo accumulato all’arrivo in Belgio rasentava l’ora e mezza, aspetto che preoccupava, e non poco, anche le hostess che hanno fatto il possibile per agevolare il raggiungimento del gate B34 in tempo per proseguire il viaggio. La missione sembrava quasi impossibile: attraversare l’intero aeroporto di Bruxelles in meno di 20 minuti, passando anche attraverso il controllo di sicurezza. In questa situazione, c’erano solo 6 parole da utilizzare: Stay in a group and RUN!!! Una vera corsa contro il tempo ha coinvolto i nostri ragazzi che, una volta arrivati al gate, hanno realizzato di aver davvero fatto del loro meglio per raggiungere quel gate B34 che sembrava non arrivare mai! Purtroppo, però, le brutte sorprese non erano ancora finite.

Se i ragazzi hanno scoperto di poter correre molto velocemente, per i bagagli non vale la stessa regola. Una volta arrivati in terra inglese, infatti, il gruppo Excol ha passato 15 interminabili minuti in attesa dei bagagli che, purtroppo, erano rimasti a Bruxelles. Molto più leggeri rispetto alla partenza da Venezia e piuttosto preoccupati, i ragazzi hanno raggiunto Whitley Bay e la Northumbria School of English. Benché il caloroso benvenuto di Christine, la direttrice, e la presa di coscienza di essere arrivati in Inghilterra abbiano sicuramente rincuorato un po’ i nostri ragazzi, la delusione per quel brutto imprevisto era molta e li ha spinti ad andare a letto sperando di ricevere buone notizie il prima possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *