Giorno 11: Surfing Whitley Bay...

Giorno 11: Surfing Whitley Bay…

Oggi è stata davvero una giornata speciale in quel di Whitley Bay per almeno due motivi: il primo è stato il diciottesimo compleanno della nostra Michela, il secondo era, invece, legato al programma preparato per noi dalla Northumbia School of English. Le condizioni del mare ottimali hanno, infatti, permesso di svolgere la tanto attesa e agognata lezione di surf.

Subito dopo pranzo, la comitiva più internazionale di Whitley Bay è partita alla volta di Tynemouth dove Barnie ed altri due istruttori ci aspettavano per il battesimo delle onde. Com’era stato per il kayak, la parte più difficile e stancante dell’attività è stata la fase di vestizione: la muta continua ad essere l’incubo di tutti gli aspiranti surfisti, specialmente se si tratta di mute nuove di zecca.

Una volta dotati di tutto l’equipaggiamento, i ragazzi hanno sostenuto una prima fase di riscaldamento e poi la formazione essenziale necessaria a cavalcare le prime onde e a far fronte ad eventuali imprevisti, poi il grande momento è arrivato. Tutti sono partiti all’attacco delle onde…anche se sarebbe più corretto dire che, nella maggior parte dei casi, sono state le onde ad attaccare i ragazzi! Dopo un’ora abbondante è giunta l’ora di rientrare, farsi una doccia e prendersi il meritato riposo in attesa della cena, che è stata l’occasione per festeggiare il compleanno di Michela come si deve.

Al suo arrivo in sala da pranzo, infatti, la neo diciottenne ha trovato degli striscioni augurali e un biglietto sul quale tutto il personale e gli studenti Northumbria School of English aveva scritto un pensiero per questo giorno speciale e, al termine della cena, non poteva mancare la torta di compleanno!

Alle 8, Mark è tornato a trovarci per l’ultima volta e il gruppo si è diviso tra chi voleva giocare la rivincita della partita di calcio della scorsa settimana e chi ha preferito rilassarsi o giocare a tennis al college.

Al momento, benché ancora svegli e pimpanti, i ragazzi sono rientrati nelle loro stanze e ciò che si sente è il sussurro di emozioni e racconti di un’altra giornata indimenticabile nel North East.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *