Giorno 5: Missione kayak

Giorno 5: Missione kayak

Il tempo continua a non essere dei migliori e le temperature sono tornate quelle medie per un’estate britannica, infatti, alcuni ragazzi iniziano a sfoggiare il famoso “stile a cipolla”, composto da strati di maglie e felpe. Nonostante questo, il mare non è molto mosso e quindi… tutti pronti per la “missione kayak”!

Da bravi aspiranti Geordies, nomignolo dato agli abitanti di queste zone, i nostri ragazzi, diversamente da molti altri che hanno desistito, hanno concluso le lezioni del mattino in trepidante attesa per il loro battesimo del kayak nelle acque del Mare del Nord.

Divisi in due gruppi, gli studenti hanno raggiunto a piedi Cullercoats, un piccolo centro a qualche minuto da Whitley Bay, dove ad attenderli c’era lo staff del centro di sport acquatici del luogo. Dopo aver indossato mute, caschetti protettivi e giubbotti di salvataggio, tutto era pronto per iniziare l’avventura. A guidare i ragazzi c’erano due istruttori che, dopo qualche pagaiata nei pressi della riva, hanno portato i ragazzi più a largo, cercando di metterli alla prova con esercizi di equilibrio e tentativi di surf approfittando delle onde del mare. Come potete immaginare, le risate ed il divertimento non sono mancati.

Dopo tante fatiche, però, un po’ di relax e, soprattutto, una bella doccia calda sono d’obbligo! Dopo un’attesa della cena all’insegna della musica e della goliardia e un bell’hamburger, i ragazzi hanno trascorso una serata tranquilla tra tennis, giochi da tavolo e letture. A fine serata, alcuni dei ragazzi, mossi da un’ “ispirazione costruttiva” hanno dato il via a un vero e proprio laboratorio di costruzione di castelli di carte con risultati davvero creativi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *