Sabato - Domenica CHIUSO

Lun - Ven 8.00 - 20.00

0432 237462

 

Pioggia di 100: eccellenza o aiuto?

pioggia di 100 - damn good

In alcuni degli altri articoli del blog ti abbiamo già parlato dei dibattiti sul maxi orale di Maturità o quella che alcuni definiscono Maturità semplificata. C’è, però, un aspetto del quale non ci siamo ancora occupati, e sono i voti ottenuti dai candidati. Secondo molti, infatti, alle valutazioni dell’esame di Maturità 2021 sono state più alte rispetto al solito e c’è anche chi parla di una vera e propria pioggia di 100. Ma da cosa dipende questo exploit?

Ipotesi 1: fattore commissione interna

Uno dei possibili elementi che avrebbero portato al netto miglioramento delle performances dei maturandi risiede nella composizione quasi completamente interna della commissione. Da un lato, questo aspetto potrebbe, infatti, aver messo maggiormente a loro agio i ragazzi, permettendo loro di dare il massimo. Dall’altro, il fatto di conoscere a fondo i candidati avrebbe messo i docenti nella posizione di poter valorizzare le loro potenzialità.

Ipotesi 2: esame facilitato

Benché, in più di un’occasione, anche il Ministro Bianchi abbia sottolineato il fatto che il maxi orale non svilisse in alcun modo l’esame di Maturità, ma ne rappresentasse un’evoluzione, in molti si trovano in disaccordo. Le ragioni di tale discordia risiedono principalmente nell’assenza di una effettiva prova scritta. Per molti, infatti, la stesura dell’elaborato non può essere valutato alla stregua delle tradizionali prima e seconda prova. Inoltre, anche se i collegamenti richiesti dalla commissione possano rappresentare un’incognita, essi sono spesso stati ritenuti meno impegnativi delle prove di Maturità pre-covid.

Ipotesi 3: eccellenza degli studenti

Un’ultima possibile spiegazione, sostenuta soprattutto dai docenti, è quella dell’eccellenza degli studenti. A loro avviso, infatti, la pioggia di 100 sarebbe il risultato di un’effettiva e notevole maturazione dei maturandi. Tale miglioramento dipenderebbe, secondo le commissioni, proprio dalla modalità di esame introdotta in epoca Covid. Essa, infatti, permetterebbe ai ragazzi un lavoro di ricerca e rielaborazione, che ha favorito la loro crescita personale. Resta, tuttavia, un dubbio: perché questi miglioramenti risultano particolarmente marcati in alcuni istituti, mentre in altri sono risultati più limitati?

Qualunque sia la risposta a questa domanda o la spiegazione alla pioggia di 100, una cosa è certa: la Maturità continuerà a scatenare dibattiti e discussioni ancora a lungo… sicuramente durante l’attesa della formalizzazione del formato del prossimo anno scolastico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *